Adoro l’Alto Adige!!

Ho avuto la fortuna di fare qualche giorno ad Ora, vicino a Bolzano , quale migliore occasione per percorrere la Weinstraße (la strada del vino) ?

La prima tappa è stata Termeno-Tramin, là dove il Gewurztraminer è nato. Visita alla Cantina di Tramin nota per la sua architettura molto particolare  che riprende la forma tipica della vite progettata dall’architetto Werner Tscholl.

Al punto vendita ho assaggiato i seguenti vini bianchi :

Il Muller Thurgau e i due Gewurztraminer sono particolari, molto aromatici, anche se si sente che sono prodotti di qualità, devono piacere… e personalmente non mi piacciono. Del Pinot  Bianco alla fine ho optato per l’acquisto del Moriz, dello Chardonnay che è ottimo e dello Stoan che è eccellente.

Seconda tappa : Elena Walch, cantina privata, meno nota ma di ottima qualità e tradizione, che abbraccia i principi di eco-sostenibilità’ da diversi anni. Si trova nella zona centrale del paese, al suo interno un bistrot e un locale degustazione e vendita. Aiutato da una gentilissima e compentente signorina, ho assaggiato i loro migliori vini rossi.

  • KALTERERSEE CASTEL RINGBERG CLASSICO SUPERIORE
  • PINOT NERO
  • PINOT NERO LUDWIG
  • LAGREIN
  • LAGREIN RISERVA “CASTEL RINGBERG”
  • KERMESSE

Il Kalterersee è uno schiava, vino leggero gradevole, quasi un rosè, i due Pinot Nero sono di buona fattura, i due Lagrein sono eccellenti, in particolare la riserva del 2009, già pronto, profumato corposo veramente buono, ma altrettanto costoso ! Il Kermesse, mah, non l’ho capito !! Syrah, Petit Verdot, Lagrein, Merlot, Cabernet sauvignon tutti al 20%, tannino troppo aggressivo e blend che lascia più di un dubbio. Alla fine ho preso i due Lagrein ma mi sono pentito di non aver preso anche il Kalterersee.

Terza e ultima tappa : Caldaro  e il museo del vino.

Caldaro è proprio un bel paesino tipico sud tirolese. coi sui circa 7.500 abitanti sorge ai piedi della catena montuosa della Mendola, accanto al bosco di Monticolo.

Pulito, ordinato con qualche negozietto tipico sopratutto di artigianato, sede dell’accademia del vino del Sud Tirolo e del museo del vino.

Il museo ripercorre la storia della lavorazione delle viti, gli strumenti di raccolta, di spremitura e di conservazione dei vino utilizzati nei secoli passati. Interessante la piccola stanza dedicata ad alcuni video documentari, che spiegano in modo dettagliato  la storia e il ciclo della vite. Costo ingresso € 4.50.

Concludendo, se dovete passare in zona vi consiglio vivamente di dedicare almeno una giornata a percorrere la strada del vino, magari fate una tappa anche al lago di Caldaro molto bello, fermandovi per cena al ristorante Gretl am see, spettacolare !!

 

 

Massimo

Add Comment