Volevo scrivere due righe su come si è svolta la Fiera del Vino a Cermenenate.
Innanzitutto vorrei ringraziare Giancarlo Botta sommelier e relatore dell’AIS di Como, il direttore generale di Cesarini Sforza: Luciano Rappo, le gentilissime Anna Sosol de Il Carpino di San Floriano del Collio e Flavia Tagliabue di Poderi Firenze Arcidosso, grazie a loro è stato possibile realizzare la degustazione presso la sala comunale di ben tre vini rappresentativi delle migliori produzioni italiane: uno spumante metodo classico Cesarini Sforza Tridentum Riserva 2008, un Friulano (o Tocai) Vigna Runc 2013 de Il Carpino e il Monteccucco Riserva 2008 di Poderi Firenze.
L’incontro è durato circa una ora e mezza e si è potuto assaggiare i vini attraverso una degustazione guidata da Giancarlo e approfondire direttamente coi produttori le caratteristiche più peculiari e le realtà vitivinicole territoriali. Devo dire che è stato un dibattito molto interessante.

La manifestazione è stata ben organizzata con ristorazione di buon livello e bar aperto tutto il giorno con relativo spazio picnic.

Nel padiglione vini la presenza di circa 40 cantine ha garantito una varietà e una possibilità di assaggio unica in tutta la provincia di Como. Il plus è stato dato dalla possibilità di acquisto direttamente allo stand: assaggio mi piace compro, cosa si vuole di più !!

Premettendo che non ho visitato tutte e 40 le cantine vorrei farvi qualche segnalazione :  lo spumante dosaggio zero Tre Cuvèe eccellente e adatto a tutto pasto, l’Amarone Riserva di Terre di Leone fantastico, il vero Amarone quello originale. Cantine Angelinetta “La moglie del Re” 100% Verdese, una novità per me, molto piacevole e persistente, anche se purtroppo un pò caro, Vecchio Piotta un blend rosso di Padroggi – La Piotta dell’Oltrepo Pavese, con un rapporto qualità/prezzo difficilmente eguagliabile.

Per ultimo, ma non meno importante, un plauso allo staff della Virtus Basket Cermenate in particolare a Fabio e a Claudio, che hanno reso possibile tutto questo. Alla prossima edizione…

Massimo

Add Comment