imageDopo una bella camminata sulle montagne che si innalzano sopra il nostro splendido lago di Como, mi sono tuffata in una degustazione di vini d’oltralpe. Fra tutti mi colpisce un Vin de Pays. 

Siamo nella zona sud della Francia che si affaccia sul Mar Meditterraneo, nella Appellation d’Origine Contrôlée  Languedoc-Roussilon. Famosa soprattutto per i suoi Vin Doux Naturels,  tra cui i più conosciuti ottenuti da Moscato Bianco e il celebre Banyuls prodotto principalmente da Grenache Noir.

In questo caso mi riferisco a un vino bianco secco, il Matassa Blanc, Vin de Pays Des Côtes Catalanes. Igp. Prodotto con il 70% di Grenache Gris e il 30% di Macabeo.

La cantina lavora in biodinamico.

Fermentazione in legno dove resta in affinamento sui lieviti per altri 14 mesi.

All’esame visivo risulta limpido, giallo paglierino e consistente.

Appena lo avvicino al naso sento delle note “animali”, fieno bagnato. Lo riavvicino e queste note sfumano velocemente lasciando spazio a sentori di frutta, agrumi e a una leggera nota balsamica. Una grande mineralità mi sorprende.

In bocca il risultato è ancora più interessante; equilibrio, grande persistenza ed eleganza lo caratterizzano.

Mi ha stupita. Mi permetto di consigliarvelo.

Mi è stato proposto in abbinamento a dei ravioli con ripieno di verdure data la mia dieta vegetariana. Li ringrazio perchè pensano sempre anche a me!

Nei giorni successivi ho ripensato all’abbinamento e mi è venuta voglia di riprovare il Matassa Blanc con una vellutata di zucca. Mi piace pensare che, la tendenza dolce tipica della zucca, venga bilanciata della freschezza e dalla mineralità del vino. Speriamo sia a breve!

Buone Feste.

Anna

 

 

 

Add Comment